I criteri sono molto severi per ottenere il marchio Haute Couture

Se si volesse tradurre letteralmente il termine ‘haute couture‘ dal francese all’italiano, si dovrebbe chiamarlo ‘alta cucitura’. Naturalmente questa traduzione grossolana non rende affatto il senso di uno dei mestieri di più alta classe al mondo. Forse non tutti sanno che già ai tempi di Maria Antonietta le sarte producevano modelli di vera e propria Haute Couture, che rispettavano i più moderni criteri in base ai quali si può ottenere l”Etichetta Haute Couture‘.

Come ottenere l’Etichetta Haute Couture

Cominciamo con il dire che ottenere la desiderata Etichetta Haute Couture non è da poco. Prevedere un settore dedicato all’alta moda è un impegno che una casa di moda deve considerare in maniera seria, per via dei costi di produzione e degli impegni in termini di manodopera e di sfilate previste.
Il termine ‘Haute Couture’ in Francia è regolato ai sensi di legge. Esistono quattro principi fondamentali che stabiliscono se un abito rientra in questa categoria. Questi criteri sono stati formalizzati nel 1945 e poi aggiornati all’inizio degli anni ’90.
Un abito creato su misura può fregiarsi della prestigiosa etichetta solo se:

  • 1: viene da un laboratorio di Parigi
  • 2: ci hanno lavorato almeno 15 persone
  • 3: la collezione si compone di un minimo di 35 modelli e un massimo di 50
  • 3: la collezione viene presentata in sfilata due volte l’anno, a gennaio e a giugno.

Chi stabilisce se una casa di moda può fregiarsi dell’etichetta Haute Couture?

Rispettare i criteri in base ai quali un abito può o non può definirsi di Haute Couture è il primo passo necessario. Ma non basta. Nel 1868 a Parigi venne fondata da un gruppo di sarti la Chambre Syndicale de La Haute Couture. Sono loro, da quel momento e ancora oggi, a stabilire chi può annoverarsi nell’ambita lista. Lista che, tra l’altro viene revisionata ogni anno.

Quanto può costare un abito di alta sartoria?

Un abito di alta sartoria può arrivare a costare anche più di 100.000 euro. Alla luce di quanto abbiamo appena detto, non deve stupire tale cifra. Per realizzare un abito c’è un vero esercito di persone che lavora, tanto che a volte il budget di una casa di moda può esserne anche compromesso. Se si considera che per realizzare un abito lo staff può impiegare anche quasi 1.000 ore di lavoro, si comprende lo sforzo, sia in termini umani sia in termini economici, che sta dietro un meraviglioso abito da favola.

Perché avete assolutamente bisogno di un paio di scarpe Louboutin o Louis Vuitton?
Hai scelto il tuo costume da bagno?