Quali case francesi hanno il marchio Haute Couture?

A Parigi due volte l’anno sfilano le aziende che possono vantare il marchio Haute Couture, l’alta moda francese. Le sfilate vengono organizzate dalla Chambre Syndicale de la Haute Couture, l’ente che gestisce le regole relative all’alta moda nel Paese transalpino. Ma quali sono le case di moda che possono vantare questo marchio e perché molte persone non riescono a rinunciare ad un abito griffato o a una borsa Chanel?

L’origine della moda

Gli addetti ai lavori considerano la haute couture l’origine della moda e il punto d’arrivo più alto per uno stilista. Il primo couturier fu Charles Frederick Worth, chiamato a lavorare a Parigi da Napoleone III, nel 1858. Il suo compito era quello di disegnare abiti per la moglie dell’imperatore Eugenia de Montijo. All’epoca, tutte le donne appartenenti alla borghesia erano solite recarsi presso gli atelier più famosi per farsi cucire addosso vestiti esclusivi, che il popolo non poteva permettersi: un concetto di unicità che ancora oggi contraddistingue la haute couture. Ma quali sono i parametri cui una casa di moda deve attenersi per ricevere questo prestigiosissimo marchio?

Abiti originali e realizzati su misura

Per ottenere il marchio, le maison devono rispettare il dictat imposto dalla “Fédération Française de la Couture”: ogni abito deve essere realizzato su misura ed il cliente deve poterlo provare personalmente. Le aziende di haute couture devono presentare due collezioni l’anno e possedere un laboratorio nella capitale francese in cui lavorano almeno venti dipendenti. I brand più famosi sono Chanel, Christian Dior Haute Couture, Maison Margiela ed Elie Saab. A questi si uniscono le aziende italiane Versace, Armani Privé, Giambattista Valli e Valentino, oltre a quelle che hanno scelto di eliminare le proprie linee pret-a-porter allo scopo di dedicarsi unicamente a questo segmento, ovvero Viktor&Rolf e Jean Paul Gaultier.

Capi esclusivi dedicati all’elite

La haute couture non ha mai perso le proprie caratteristiche originarie. Nasce come abbigliamento riservato all’elite e la sua peculiarità principale sta nell’esclusività di ciascun modello, che non può essere replicato, essendo realizzato su misura per il richiedente. Ogni capo viene cucito a mano e la scelta dei materiali e delle tecniche è fondamentale. Il lusso è anche questo: indossare capi che richiedono oltre 800 ore di lavoro ciascuno! Ma chi non farebbe follie per una borsa Chanel o un abito firmato Dior? A tal proposito, da non perdere la collezione di borse Chanel vintage usate su vestiaire collective!

Borse Louis Vuitton: divertimento efficace per ogni donna
Trovare un pezzo vintage di Haute Couture: come fare?